Portfolio poetico

Nuovi autori:

Autori più pubblicati:


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Elegia di un pastore anatolico

Comicita'

Marcello Caloro

Poesia pubblicata il 16/04/2009 | 692 letture

Tra inanimate gelide rocce
nella rada erba arida
a condurre affamati armenti
mi accompagno al tuo ricordo.
Mentre trangugio l'acido kefir
smarrisco i sensi miei
in quel sapore asprigno
ritrovo il gusto dei baci tuoi
mentre rumini tabacco.
Munger le mammelle delle capre mie
è come accarezzare il seno tuo
benché meno sodo e più cadente sia.
E quando il monte eclissa il sole
dal freddo nella tenda mi riparo
giunge allora Kajna a riscaldarmi
donandomi le terga per conforto
così io la possiedo a te pensando
e quando il vello le accarezzo lieve
mi pare di sfiorar la pelle tua
anche se un po' meno fetore emani.
Sei anche tu amor la mia ricchezza
che se dovessi cederti al baratto
non lo farei per men di otto bestie.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Marcello CaloroPrecedente di Marcello Caloro >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Marcello Caloro

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…




Poesie più recenti: