Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




La morte cammina

Riflessioni

Giuseppe Mauro Maschiella

Poesia pubblicata il 24/04/2019 | 104 letture

Siria, Africa
Ucraina, Palestina...
tra bombe e cannoni
la morte cammina.
Cenere sparsa copre
di notte il giorno, i canti
funebri sono la norma,
bambini persi, paesi persi,
ove vanno rami spenti
che ad ombre
piegano i ginocchi.
Verdi rami appena sfiorati
dal vento della vita
bruciano sotto
i bombardamenti
per le brame dei potenti.
.
L’umanità insiste
e ripete da millenni
sempre le stesse piste,
stesse pianure,
stesse mulattiere
stesse persone,
ieri con spade ed arcieri
oggi con ignobili bombardieri.
Che vergogna questa vita
la nostra vita
migliaia di anni di esistenza
legati alla distruzione,
alla depredazione,
alla morte, alla violenza.
Una spirale perversa,
secoli di storia
per vedere sempre
le stesse cose
con data diversa.
Stessi uomini, stesse guerre,
stessi tiranni, stesse catene,
stessi schiavi,
stesse proteste, stesse sette.

Bombardano, sparano
parlano di missioni di pace
ma di odio e violenza
riempiono la terra
e questi falsi non
la chiamano guerra.
Che senso ha parlare
di pace? A che vale?
Consolazione ho cercato
tra rovi impolverati,
ma tu cuore abbrividato
mi trascini tra il pianto
disperato dei bambini.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Giuseppe Mauro MaschiellaPrecedente di Giuseppe Mauro Maschiella >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Giuseppe Mauro Maschiella

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

23 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Giuseppe Mauro Maschiella Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti: