Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Giammai l’amore mi vide straniero

Impressioni

massimo turbi

Poesia pubblicata il 21/04/2019 | 236 letture

un gran silente sguardo
ravvisai nella luna grandiosa
che mi vide crucciato
sopra i cieli del declino
e che io non possa intercedere
per l ‘amor mancato
quand’ella tradì con l ‘amico
del cuore

me sciagurato Mefistofele
come posso peccare come ella
che fece in quel giorno di primavera
quando di nascosto la guardai abbracciata
al fedifrago amante
di notti insonni

nei sogni fra le coperte
umide di pioggia
vorrei farle pagare a caro prezzo
l’ ingiusto divenire
bruceró il suo cuore
nei temporali estivi
maledicendo il giorno in cui
la conobbi

il senso che abbiamo noi se divisi
come siamo da codesta vita
così reclusa nei bassifondi di nascondigli
e per magia la chiave fu poi gettata
al vento

giammai la mia vita sarà l’ infinita distruzione per l ‘amore perduto
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di massimo turbiPrecedente di massimo turbi >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

massimo turbi

massimo turbi

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

56 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

massimo turbi Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti: