Portfolio poetico

Nuovi autori:

Autori più pubblicati:


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Il neo pensionato

Comicita'

vittorio pochini

Poesia pubblicata il 14/10/2018 | 70 letture

Quando della pensione è giunta l’ora
felice è chi da domani non più lavora!
Sogna un meraviglioso riposo
dopo anni di lavoro faticoso.

Anch’io l’ho sognato ed immaginato
ma ne sono deluso ed amareggiato.
La prima mattina da pensionato
un po più tardi mi sono svegliato.

Ero pronto per la consueta colazione,
mia moglie mi disse: "sto in pensione!
Per anni te l’ho servita,
da oggi la pacchia ti è finita!

Per non diventare un fannullone
comincia a farla tu la colazione!
La prepari e me la servi a letto,
col cappuccino voglio un cornetto!"

Così per soddisfare l’altrui panza,
ho indossato la prima parannanza!
Esaudito il suo desiderio
mi disse con tono serio:

"quando sul tardi mi alzo,
voglio sia pronto il pranzo!"
Capii immediatamente, in quell’istante,
la pensione l’avrei versata al ristorante!

Gli risposi che odiavo il fuoco,
mai sarei diventato il suo cuoco!
Gli Euro mensili erano insufficienti,
a giorni alterni avremmo usato i denti!

Sono stato un lavoratore perfetto,
neanche un giorno malato a letto!
Ora che potevo godermi il pensionato,
rimpiango il lavoro che ho abbandonato!
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di vittorio pochiniPrecedente di vittorio pochini >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

vittorio pochini

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

La più letta…

Pubblica in…




Poesie più recenti: