Portfolio poetico

Nuovi autori:

Autori più pubblicati:


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Nostra specie animale

Amicizia

Abi

Poesia pubblicata il 30/07/2018 | 158 letture

Non avrai altri che t’ameranno così
Celebrando ogni mattina te solo
Ogni cenno di saluto assonnato
Il tono della tua voce al richiamo
La tua mano sul guinzaglio alla porta

Rocco, mio fido compagno di gite
Goffo ingombrante dolce ansimante
Luna che gira e attende al suo sole
Io inadeguato inuso padrone
Mi porti a spasso fra portici e aiuole
Muscoli e cuore fai tonici e snelli
Vita m’insegni muovendo la coda
Che tutto passa con una dormita
Non c’è domani di cui preoccuparsi
Stupide inutili le umane angustie
Erbacce su cui alzare la zampa

Nessuno grand’uomo, nessuno speciale
Banali i giorni che tutti viviamo
Secondo la nostra specie animale
Io uomo tu cane tu meglio di me
Tu vero io fingo, a imparare da te
Gioir del presente, leccarsi le palle
Piantarla con tutti i vecchi perché
Come non fossero gli stessi già triti
Da miliardi di altri prima di me
Su, fino al genio d’adamo demonio
Primo al dilemma del perché e perché no

Andiamo Rocco, andiamo a trovare
Cosa che valga la pena annusare
Son fra i rifiuti tesori nascosti
carcasse di morte, memorie del volo,
tracce odorose sui basamenti
segni di simili invano passati
cosa di meglio d’un uomo e d’un cane
assieme si completano e salvano
mani per fare, ansia di finire
cuore, coraggio e farseli bastare

Quaranta chili di pelo marrone
lucido al sole ti siede sui piedi
e guardiamo gente pazza passare
in corpore nostra specie animale
faccia paciosa ha il labradòr perplesso
collo abbondante, lingua che penzola
sempr’aperta ansima la bocca larga
la testa un’incudine inclinata
fiducioso lo sguardo t’interroga
nessuno mai amò così dacché nato
fu uomo per cane, cane per uomo
insolubile fraterno legame
che lui non romperà sicuramente

La stretta del guinzaglio che ci lega
non è solo di questa corda grossa
noi ibrid’antica specie animale
di lavoro, caccia, guardia e vagare
noi metà di certificata razza
dopo secoli ancora siamo qui
io uomo tu cane, insieme di più
insolubile fraterno legame
nessuno mai amerà più di così
 
<< SuccessivaPrecedente >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Abi

Ha scritto anche…

Abi non ha pubblicato altre poesie.

Pubblica in…




Poesie più recenti: