Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Sharazan

Donne

morini lorenzo

Poesia pubblicata il 11/10/2016 | 536 letture

Sharazan era una donna un po' particolare,
tutta ultra truccata, succinta e bellissima
come una fotomodella, una star, un'attrice...

Ove però l'acutezza esistenziale e pur casuale;
non ebbe mai come un ingrediente essenziale;
per codesto aspetto fisionomico, mentale.

Sharazan era ed è tutt'ora, una"lucciola"
compassionevole ma pare pur anticonformista.

Chi lo sa!

Poi si "vendeva" a peso lordo, tutta intiera od a tappe;
auto per auto o addietro un albero... ovvero:
in modalità tragica e malefica, paragonato
similare ad un tristo salice piangente.

Ed in comodato d'uso, pregando, decapitando invano,
predicando parolacce col pensiero ed irrequieti: Mea Culpa,
meditando pure dispiaceri per la sua, propria vitaccia.

Ma non v'era nulla da fare!

E' una"signora" non aghiforme per chi la denomina;
la chiama, la sostiene emotivamente così.

E per molti altri "uomini/clienti" dalla nottambula notte;
è solitamente una "donnaccia" da due soldi.

Ma lei sospira, aspira ad un altro enigmatico spiraglio,
barlume di fioca luce:

ove vorrebbe essere come prima:
una madre fedele, una ita moglie speciale,
premeditando estenuanti sogni ad occhi aperti.

Purtroppo ciò non è accettato, menzionato...
...nel suo, proprio esile futuro,
non ambizioso e pericolato da oltraggiose mancanze vitali.

E farò in modo che i tuoi tre deliziosi figlioletti gemelli
ed in memoria del tuo spirato, povero marito
(deperito da anni, da un vetusto bruto male):

non ti dimenticheranno nella foresta dei disperati,
negli zampilli dell'irrilevante buco nero dell'ignoto.

O sì! Sofferente, grande fanciulla della notte...

Ove in un simbolo di giusta, giustificata giustizia...
...io t'amerò invisibilmente, per sempre nell'eternità;
ma da uomo comune e non spacciandomi

da una indomabile, viziosa, inetta, balorda persona,
priva di orripilanti scrupoli spropositati.

E ti dico core a core:
"Ciao caruccia Sharazan!".
Reduce casualmente di questo crudo cruente mondo.

E ti vorrò una marea di bene... sino alla infinita, mia, ipotetica follia.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di morini lorenzoPrecedente di morini lorenzo >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

morini lorenzo

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

86 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

morini lorenzo Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti: