Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




L' acquario

Riflessioni

Roberto Pozzi

Poesia pubblicata il 17/10/2015 | 917 letture

Per un’insignificante frazione
dell’infinito continuo temporale,
illudendomi di aver demolito
il muro dell’ indifferenza umana,
ho sognato un utopico mondo
dominato dalla luce dell’amore.

Non volendo minimamente accettare
una potenziale devastante delusione,
baciato da una saggezza poetica,
ero fuggito dall’imposta prigionia
di un apparente santuario di vetro,
ripudiando la sicurezza degli oggetti
per perseguire il difficile percorso
verso l’incertezza dei veri affetti.

Indossando le sembianze di un semidio,
sperando nel rinnovamento spirituale
in esseri incapaci di provare sentimenti,
ho ricommesso il peccato originale.

Ritrovandomi ancora rinchiuso
nell’enorme trasparente vasca,
come protagonista di un’attuale tragedia
ero stato l’ultimo a comprendere
di non aver per niente lasciato
l’acquario della sofferenza.

Per sentirmi ancora vivo,
adesso accarezzo le sue gelide pareti,
non riuscendo a riscaldare l’anima mia
e nemmeno a smuovere l’ancorata coscienza
delle saccenti ombre che giudicano
oltre quell’invisibile barriera.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Roberto PozziPrecedente di Roberto Pozzi >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Roberto Pozzi

Roberto Pozzi

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

26 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Roberto Pozzi Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti: