Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Lo spettro della precarietà

Sociale

Agnese Iannone

Poesia pubblicata il 04/12/2014 | 1128 letture

La crescente crisi monetaria
bei progetti fa saltare in aria.
Salta il posto fisso, la stabilità,
di conseguenza la tranquillità.
Il lavoratore in nero o precario
come fa a sbarcare il lunario?
Una famiglia non può formare
e single, a vita dovrà restare.

A precari, familiari e amicizie
saltano i nervi e si fan pazzie.
Anche l’eterno e sacro amore
scivola in una valle di dolore.
Tutto precario, niente sicuro,
i giovani non hanno un futuro.
L’ ossessione della precarietà
spaventa, crea stati d’ ansietà
da vivere male fino alla morte.
Quale triste e dolorosa sorte!

Al cimitero, un posto troverà
chi ha qualcuno che pagherà.
Prenda il coraggio a due mani
chi pensa di vedere il Domani.
Non rinunzi mai alla speranza,
abbia fiducia e perseveranza.
Tra le nubi il sole s’ affaccerà
e il viso di gioia s’ illuminerà.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Agnese IannonePrecedente di Agnese Iannone >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Agnese Iannone

Agnese Iannone

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

67 poesie:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Agnese Iannone Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti: