Portfolio poetico

Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori:




Umile speranza

Introspezione

CARMINE DE MASI’Taly1952’

Poesia pubblicata il 31/08/2014 | 1182 letture

Medito solingo
nella antica festa degli azzimi,
amare e perdonare
oltre, io chiesi,
voglio scrollarmi di pesi
e liberar ipocriti sorrisi.
Silente, umile e penitente
la mente vaga nel creato
caro a me e al mio amato,
intingo pensieri d’amore
e di perdono nel calice dorato.
Prostrato tra l’arsura gelata
della croce,
m’immergo con le spine
nell’acqua limpida beata e
dissetar il corpo martoriato.
Anelo recitar lodi e canti oltre
la compiéta e nel mio giaciglio riposar
Bramoso di veder ardere l’anima mia
E di vegliar sul mio diletto...
nell’attesa che risorge
accanto a me l’amato.
 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di CARMINE DE MASI’Taly1952’Precedente di CARMINE DE MASI’Taly1952’ >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

CARMINE DE MASI’Taly1952’

CARMINE DE MASI’Taly1952’

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

CARMINE DE MASI’Taly1952’ Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti: